[full-post]

Bad Guy è una canzone estratta dall'album The Marshall Mathers LP 2 di Eminem.

Cerchi la traduzione del testo della canzone Bad Guy - Eminem? Eccola riportata di seguito, dopo l'immagine.

Tutti i testi e le traduzioni delle canzoni di Eminem

Per tutti i testi delle altre canzoni di Eminem e di questo album, puoi andare nella nostra raccolta dedicata al cantante:


Bad Guy - Eminem: testo tradotto - Traduzione in italiano


Traduzione canzone Bad Guy di Eminem in italiano

[Verse 1]
E’ come se fossi impantanato nella melma a scavare in una vecchia ferita.
Ho fatto di tutto per toglierti dalla mia testa, ma niente funzionerà.
Basta una canzone alla radio e ti insinui di nuovo nella mia mente
a ricordarmi ancora di come cazzo ti sei sbarazzato di me
e di come mi hai scosso, ho speso molto tempo a farmi un esame di coscienza,
forse avevo prima bisogno di crescere un po’.
                                            Beh, sembra che io abbia avuto uno scatto di crescita improvviso.                                                                  Ma ora vengo per il chiudere la questione.                                                                                              Non credo di doverti una spiegazione dato                                              il modo in cui mi hai voltato le spalle
proprio quando ne avevo più bisogno.
Ah, pensavi fosse finita?
Che potessi chiudere questo capitolo
e tornare alla tua vita, come se non fosse nulla.
Tu hai rovinato la mia di vita, ma sembri passartela bene.
Io non mi sono mai ripreso da questa cosa, ma scommetto che quello che passerai tu stasera
sarà più insopportabile di qualsiasi cosa io abbia mai patito.
Non trovo miglior modo di definire questo se non (col termine) “giustizia poetica”.
Posso portarmi dentro questo rancore?, la testa mi dice: “Lascia perdere, fanculo tutto questo” .
Il cuore mi dice: Lascerò perdere solo quando seppellirò viva questa puttanella
nasconderò la pala e mi allontanerò in auto verso il tramonto.

[Hook]
Abbandono la scena del delitto come fosse la mia ultima corsa
Ci vedi bene, eh, mi avevi inquadrato la prima volta                                                                                                                                                                                                                                                                            Non riesci a vedere la verità ma è più facile giustificare che le brutte cose sono a fin di bene
E io odio essere il cattivo, odio essere il cattivo

[Verse 2]
E pensare che credevo tu fossi il migliore, puttanella.
E pensare che eri tu che adoravo una volta, merda.
Credi di poter ferire le persone e cavartela così?
Non questa volta, è meglio che vai a prendere ago e filo, troietta.
Mettiamo un punto a questa cosa così puoi raccogliere quello che hai seminato, imbecille.
Pensavi che siccome fosse passato del tempo potessi dimenticarlo, scordatelo!
Hai lasciato la mia famiglia nei casini.
Ti aspettavi che mi dimenticassi di lui? Che facessi finta non fosse mai esistito?
Forse se n’è andato, ma non è stato dimenticato.
E non pensare dal momento che è morto da molto tempo
che io abbia smesso pianificare questa cosa e non venissi più a prenderti.
Hai sbagliato e quella merda era marcia.
E il modo in cui hai preso in giro lui, è lo stesso schifo che hai fatto con me!
Hai una minima idea della merda che ho dovuto passare?
I sentimenti che covo dentro, tutto questo rancore represso a cui mi aggrappo                                                                                                                                                                                                             e nemmeno una volta che tu mi abbia chiamato per chiedere come stessi.
Alle lettere non rispondi
(allora) fanculo, sto venendo da te.
E, guarda un po’, chi è la persona migliore con cui parlare se non tu?
La causa dei miei problemi.
La mia vita è spazzatura, me la prenderò con te per questo
e poi puff! Ecco che me ne sono già andato.

[Hook]


[Verse 3]
Sto facendo un giro dalle tue parti
da circa 9 fottutissime ore e 45 minuti adesso.
Finalmente ho trovato il tuo nuovo indirizzo, parcheggio nel tuo vialetto di casa.
Mi sento come se stessi aspettando questo momento da tutta la vita
e adesso è arrivato, la mia bocca è piena di saliva
ho messo fuori il coltello e mi dirigo quatto verso casa tua.
Vedi, è triste che la cosa sia arrivata a questo punto.
Sono così addolorato dal fatto che ho dovuto fissare questo appuntamento                                                                                                                                                                                                                                            per venire a trovarti!
Ma non sono qui per la tua empatia, non ho bisogno delle tue scuse
o della tua amicizia comprensiva, ciò che cerco è vendetta
perciò striscio pieno di vendetta e armeggio con la finestra della tua camera da letto.
E’ come se fossi arrivato al mio potenziale massimo, ho raggiunto l’apice.
Continuo a sbirciare, ancora piegato in giù.
Insisto a dare piccoli colpi al vetro poi comincio a darli più forte.
Mi intrufolo fino alla veranda sul retro.
Dai, le maniglie delle porte sbloccate? Non dovrebbe essere così facile.
Non hai previsto i ladri?
Sei sorpreso di vedermi? Il gatto ti ha mangiato la lingua?
Ti imbavaglio, con uno straccio al cloroformio, ti soffoco fino a quasi distruggere un polmone
come se avessi presso un ascia e poi l’avessi fatta oscillare.                                                                                                                                                                                                                                                                  Mi attengo al piano di base, ti trascino nel bagagliaio posteriore.
Tutto questo da parte di un tuo fan, che spettacolare ironia, eh?
Adesso chi è il frocio, tu troietta?
Ed ecco qui il tuo cappello dei Denver Bronco (cappello di Matthiew con l’autografo di Em – Stan), puoi riaverle queste stronzate perchè fanno schifo.
Siamo solo io, tu e la tua musica, Slim
spero tu riesca a sentirmi, siamo in macchina adesso.
Aspetta, ecco il mio pezzo preferito
“Sono il cattivo che si prende gioco della gente che muore”. (Criminal)
Hey, questo è un sequel del mio Mathers LP,
proviamo a farlo comprare alla gente.
Com’è come trovata pubblicitaria? Dovrebbe essere divertente.
E’ il tuo ultimo album adesso perchè dopo questo sei ufficialmente finito.
Eminem ucciso da M&M
Matthew Mitchell, troietta, ho anche le tue stesse iniziali.
All’inizio volevo sotterrarti vicino a mio fratello, ma fanculo!
Dal momento che ami così tanto la tua città ho pensato,
cazzo, il miglior posto dove potresti essere sepolto vivo è proprio qui!
Altre due uscite e siamo quasi in città.
Spero non ci fermino, ho paura, non ho la patente.
E queste sirene? Penso non sia stata un’ idea geniale andare a 90 km/h in autostrada
appena vedo gli sbirri dallo specchietto retrovisore.
(Oddio, la polizia! Ah)
Spero che almeno l’elicottero della polizia faccia una foto dall’alto del tuo luogo di sepoltura.
Nuovo piano Stan,
Slim, “il porco maschilista è arrivato in questa grande Lincol town” (Desesperados -D12)
“Beh, dobbiamo andare, siamo quasi al ponte” (Stan), ahah fratellone questo è per te!
Slim, questo è per lui e Franc Ocean, spero tu sappia nuotare bene!
Adesso dici di nuovo che odi i gay!

[Hook]


[Verse 4]
Io rappresento tutti quelli a cui hai indirizzato le tue battute offensive.
Sono l’incubo che ti tormenta quando dormi e che continua a farlo quando sei sveglio.
Sono il karma che  avanza ad ogni tuo tratto di penna.
E’ il momento perfetto per avere un po’ di rimorso e ammettere i tuoi peccati.
No, questo è un caso senza speranza, io sono la negazione che vive disperatamente dentro di te.
Quando dicono che tutto questo sta arrivando alla fine
però tu ti rifiuti di credere che sia finita, e rieccoci punto a da capo,
Spalle al muro, ho colto ogni opportunità che potevo
I cessi sono intasati, si, perchè è di una montagna di merda che parlo, però sto per farla risalire a galla.
Ma nella mia testa c’è una voce che mi parla
dopo che la traccia viene distrutta.
Sono la tua mancanza di coscienza.
Sono il fischio nelle tue orecchie.
I polipi che dietro le tue tonsille
mangiano le tue corde vocali dopo i concerti.
Sono il tuo tempo che sta per scadere e di cui non hai consapevolezza.
Prendi un po’ d’acqua ma sono io quella pillola più difficile da ingoiare.
Sono i bulli che odi e che tu stesso sei diventato
insieme a tutti froci che hai massacrato
e che ti si stanno ritorcendo contro, sono le donne che hai insultato
e maltrattato, ma tu fai due pesi due misure e tutto cambia quando si tratta delle tue figlie.
Io rappresento tutto ciò che hai dato per scontato
perchè il personaggio del rapper di Marshall Mathers è solo mezza facciata
e Matthiew e Stan sono solo l’emblema di come tu                                                                                                                                                                                                                                                                               non ti renda conto di quello che hai fino a quando una cosa non l’hai persa.
Perchè dopo tutto quello sfarzo e quel glam
nessun fa più il tuo nome, le telecamere si sono spente.
E’ triste, ma è successo a tutti.                                                                                                                                                                                                                                                                                         Sono “il senno di poi” che ti dice, “Io te l’avevo detto!”
che presagisce tutto quello che succederà.
Sono il futuro che è qui a mostrarti cosa accadrà domani.
E se non ti fermi (ora), dopo ti definiranno il più grande zimbello
del rap che non riesce a farla finita
quando è il momento di andare via, sono io ogni tuo senso di colpa,
il bagaglio nella tua mano, e mentre raccogli tutte le tue cose
se c’è qualcosa che hai dimenticato di dire,
a meno che non sia qualcosa d’effetto, non dare fastidio.
Quindi prima che archivino il tuo caso
meglio che ti assicuri di chiudere con qualcosa di potente.
Perciò sono tornato per l’ultima volta
prima che tutto si dissolva e finisca.
Ecco il capitolo finale della saga
Provo a catturare un’ altra volta quel fulmine intrappolato nella bottiglia,
a catturare per la seconda volta la magia che ha dato inizio a tutto (riferimento al MMLP)
E’ il ritratto tragico di un artista torturato,
intrappolato nei suoi stessi disegni
che ha accesso ai pensieri
più neri e oscuri che si possano immaginare.
Ecco una pugnalata feroce nell’oscurità
mentre riprendiamo l’ultimo Mathers da dove l’avevamo lasciato. (Inizio skit Parking Lot che riprende l’ultima traccia del MMLP)


Testo tradotto della canzone Bad Guy cantata da Eminem. Traduzione in lingua italiana

Posta un commento

Dphoneworld Fabiannit

Powered by Blogger.